IL NOSTRO AMORE A COLORI: dalla Gambia all’Italia

Stiamo lavorando, il prossimo racconto sarà disponibile a breve…

Iscriviti al nostro blog, riceverai una notifica non appena sarà pubblicato.

Nel mentre vi aspettiamo in Instagram, a presto Cristina e William

View this post on Instagram

Mi chiedevo cosa ne sarebbe stato della mia vita, non sapevo se sarei riuscita a combattere questa terribile malattia che spaventa solo a pronunciarne il nome, ormai ne ero dentro fino al collo e mi misi in gioco senza nemmeno pensarci due volte. Solo durante questa orribile esperienza ho elaborato quanto male crea l'impotenza che vive chi ti sta vicino realizzando che hai un cancro, ricorderò per sempre la reazione dei miei poveri genitori, e della mia più cara amica d'infanzia quando dissi: HO UN CANCRO. Con Giovanna abbiamo un bellissimo legame d'amicizia quasi quanto due sorelle, siamo cresciute insieme, portando con noi dei ricordi e delle confidenze di vita, mi è stata sempre vicino, aiutandomi a superare anche questo lungo cammino, grazie di esistere, ti voglio bene. Durante le chemioterapie ero costretta a letto cinque giorni su sette, passavo le giornate nella mia stanza, l'appuntamento in Day Hospital ad ogni nuova terapia era di una volta la settimana, e ricordo ancora bene quei tremendi giovedì. Verso le ore 7.30 del mattino mi veniva a prendere mia madre in macchina, mi accompagnava in ospedale tenendomi compagnia tutta la giornata, si iniziava con un prelievo di sangue e in attesa dei risultatati speravo di essere idonea alla terapia, a volte mi è capitato di non esserlo. Mi comunicavano che avrei dovuto saltare il ciclo di chemioterapia sino a quando le piastrine non rientravano alla normalità, il mio corpo era a zero globuli bianchi, significa zero anticorpi. Ci rimanevo malissimo, si doveva spostare di settimane il traguardo a darne una fine a tutto questo incubo. Questo è il mese della prevenzione del cancro al seno… come potrei dimenticare quanto ho passato? Secondo voi…. che altro c'è nella vita se non vivere sereni? Vi aspetto nei commenti ⬇️⬇️⬇️ Cristina Valcanover https://maasai-travel.com/2019/12/13/il-mio-percorso-di-vita-dal-cancro-a-un-viaggio-a-zanzibar/ #travelgram #instapassport #backpacking #instagood #instatravel #photooftheday #lonelyplanet #travelingram #travel #arountheworld #trip #nationalgeographic #igtravel #holiday #carmeloabate #mystory #instatraveling #onedestination #masaitravellife #cancer #mytravelgram

A post shared by Masai Travel Life (@maasai_travel_life) on

Published by

Masai Travel Life Tanzania

Ti porto a casa mia, per farti conoscere la mia cultura, la mia tribu, il mio popolo con un viaggio diverso e alternativo. Poi al rientro nel vostro mondo mi spiegherete cosa significa essere colpiti dal "mal d'Africa" questa malattia inguaribile ed indefinibile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.