VI RACCONTO DI NOI

UN PO’ DI NOI

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ciao e benvenuto! Il mio nome è Willy, sono un maasai originario della Tanzania con una moglie italiana di nome Cri. Ci siamo conosciuti nel 2009 nella savana: inizialmente era nata una profonda amicizia basata sulla conoscenza reciproca, con qualche scambio di confidenze e mantenendo i contatti grazie alla tecnologia, fino al magico incontro in cui abbiamo capito che volevamo stare insieme. Ogni suo rientro in Italia era uno strazio per entrambi e ci ha portato infine a prendere un’importante scelta per la vita: nell’anno 2015 abbiamo coronato il nostro amore con un matrimonio e io mi sono trasferito da lei in Italia, nel bellissimo Trentino. Ho ottenuto il diploma di licenza media dopo aver studiato in lingua italiana i tre anni delle scuole medie in uno solo: vi assicuro che tutto ciò non è stato per niente semplice per uno straniero come me, frequentando anche dei corsi provinciali con attestato al seguito. Ammetto che imparare una lingua diversa dalla mia e integrarmi in una cultura così lontana da quella in cui sono nato e cresciuto non è stato facile, ma ora qui in Italia grazie alla mia forza di volontà, a mia moglie e ai miei nuovi amici mi sento come a casa. Ora voglio contraccambiare il favore e portare voi nella mia casa natia, per farvi conoscere la mia cultura, la mia tribù e il mio popolo con un viaggio diverso e alternativo. Al rientro nel vostro mondo mi saprete spiegare il vero significato del “mal d’Africa”, questa malattia inguaribile ed indefinibile che colpisce chiunque metta piede in questa meravigliosa terra.

 

LA MIA VITA A CASA MAASAI

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Più volte l’anno io e mia moglie tornavamo in vacanza in Tanzania dalla mia famiglia maasai: si dormiva in “capanna”, dove si convive con galline, caprette, vitellini e qualche gatto, che dovevamo ospitare in casa tutte le notti per paura che arrivasse una iena a farsene un buon pasto; il disagio di non avere un bagno e fare la doccia con secchi d’acqua bollita… Per mia moglie non è stato semplice abituarsi, ma noi maasai siamo nati e cresciuti in questo modo per noi è normale non avere le vostre comodità, ma con il tempo e il mio aiuto si è integrata nella nostra vita e cultura diventando una vera “maasai bianca”, ben voluta da tutti noi della zona e trattata sempre con molto rispetto. Siamo felici di sentirla parlare la nostra lingua, il “maa” (dialetto maasai), anche se suona strano dalle nostre parti sentire una bianca esprimersi come noi.

 

LA STORIA DELLA NOSTRA CASA 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con il tempo abbiamo preso in considerazione l’idea di costruirci una casetta accogliente tutta nostra all’interno del villaggio, per trascorrere le nostre vacanze in comodità: mostrando la nostra casa agli amici italiani che chiedevano di venire con noi in vacanza, nacque l’idea di proporre un viaggio alternativo e diverso con risultati ad oggi soddisfacenti.

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Terminato l’angolo-terrazza, la nostra famiglia ha trovato un luogo ombroso per ripararsi dal sole o dalla pioggia e per creare bracciali, collane, cinture, vestiti in nostra assenza o in compagnia nostra e dei nostri ospiti, i quali sono sempre incuriositi dalle attività quotidiane della mia famiglia maasai.

 

LE STANZE

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci è voluta tanta pazienza, ma infine abbiamo terminato la prima stanza degli ospiti. In seguito abbiamo completato altre due camere matrimoniali, provviste di terrazza con vista panoramica del villaggio e della natura nella savana. Non è stato affatto facile organizzare contemporaneamente i lavori per la casa e la permanenza dei primi ospiti nel villaggio maasai: dopo mille telefonate, discussioni e spiegazioni, gli operai venivano al lavoro e proseguivano la costruzione solo se ne avevano voglia; ma è anche vero che nella savana i costruttori si spostano a piedi e non hanno nessuna attrezzatura, quindi si deve procurare loro tutto il necessario. Considerando il risultato finale, possiamo però dire che sono stati anche troppo bravi!

ZONA RISTORO

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

La nostra nuova avventura nel villaggio maasai è iniziata nel novembre del 2017 con i primi ospiti, chiedendo in prestito una casa a nostro zio, in quanto nella nostra era presente solo una stanza: questa circostanza ci fece capire che in quel modo non potevamo gestire il nostro lavoro al meglio e con tutte le comodità. La nostra idea iniziale era di organizzare un viaggio semplice, utilizzando una tipica “capanna” maasai come sistemazione, in quanto sembrava la scelta più gettonata da chi ci contattava: l’esperienza di quei primi mesi ci insegnò presto che poche persone sarebbero resistite alla “vera vita” maasai, dormendo in una “capanna” al buio, mangiando solo pietanze maasai; inoltre non tutti avrebbero compreso che alcune cose non sarebbero state disponibili nemmeno pagando, o lo sarebbero state al ritmo di “pole pole” (piano piano in lingua swahili). Decidemmo così di iniziare i lavori di allargamento della nostra casa, costruendo infine tre belle stanze comode.

 

ZONA BARBECUE

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un giorno arrivarono da noi Alessio e Natasha, una splendida coppia accompagnata da un bambino di 3 anni che diventò, in poco tempo, la mascotte del villaggio maasai e dimostrando che il viaggio che offriamo è sicuro ed adatto a chiunque di qualsiasi età. I nostri ospiti non furono fortunati, in quanto piovve per due settimane, ma di certo il loro bambino non trovò il tempo per annoiarsi: venne subito accolto dai “piccoli maasai” di casa e coinvolto nei loro giochi. In una giornata particolarmente piovosa, Alessio costruì un fantastico barbecue in “stile maasai”, che venne poi coperto e trasformato in una splendida cucina. Grazie ragazzi! Penseremo certamente a voi ogni qualvolta che verrà acceso il fuoco, attendendo di avervi fra noi ancora una volta.

 

ARRIVARCI E CONTATTO:

Maasai Travel effettua una serie di partenze con destinazione villaggio maasai in Tanzania comprendendo una vasta gamma di date di partenza e attività per soddisfare i diversi gusti. Siamo eccitati all’idea di mostrarti questo nostro grande popolo maasai!

Email di contatto: allascopertadelvillaggiomasai@gmail.com

By Maasai Travel Life

5 Comments

    1. Buongiorno,
      abbiamo visitato il vostro sito.
      Abbiamo un portale http://www.mycanarias.com con una sezione dedicata ai Travel Blogger,
      ci farebbe un immenso piacere che ci raccontate la vostra storia emozione di viaggio avvenuta nel popolo Maasai, ( Lingua che preferite voi anche inglese va benissimo)
      in modo da trasmettere emozioni nel mondo agli utenti nella rete.
      Vi lascio il link di riferimento in modo che ci sono tutti i dettagli e la mail per inviarci tutto il materiale per pubblicarlo.
      https://www.mycanarias.com/blogger/
      Nel frattempo se volete, vi lascio un altro link,
      dove per 7 giorni potrete crearvi la pubblicità con riferimento al vostro Sito Web gratuitamente.
      https://www.mycanarias.com/ads/
      Rimaniamo in attesa di un riscontro.
      Buona Giornata

      Mi piace

  1. Quanta buona invidia della vostra storia, della vostra vita Maasai.
    Buona vita Cry e Willy e chissà che un giorno non tanto lontano, non ci si possa conoscere li proprio in Tanzania.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...